0

Quest’offerta è una truffa? Ecco come scoprirlo

Ecco alcuni importanti consigli per acquistare online in tutta sicurezza

Negli ultimi anni impazza la moda dell’eCommerce: vestiti, elettrodomestici, vacanze, case… ogni genere di merce può essere acquistate comodamente da computer o smartphone con pochi click.
Con un giro d’affari sempre in crescita che raggiunge i 20 miliardi di euro solo in Italia, non sorprende che sempre più aziende decidano di buttarsi sulle vendite online, talvolta aprendo un proprio sito personale.
Per questo motivo ormai accanto a siti affidabili come i conosciuti eBay, Amazon o altri spuntano sempre più spesso nuovi, piccoli siti a volte capaci di fare concorrenza ai “grandi” del settore con offerte così golose da sembrare troppo belle per essere vere. Offerte che, in effetti, spesso vere non sono.

Ecco perchè noi di Coreblog abbiamo creato questa piccolo elenco di consigli agli acquisti online per riconoscere se un sito è affidabile o no ed evitare così di perdere tempo e denaro o, nel peggiore dei casi, persino i nostri dati della carta di credito.

Consiglio n° 1: Google è tuo amico

Se trovate un sito di cui non avete mai sentito parlare o che in qualche modo non vi convince pienamente, ma ha un’offerta strepitosa su qualcosa che volete comprare, la prima cosa logica da fare è cercare su Google eventuali recensioni del sito stesso. Può sembrare un consiglio banalissimo, eppure molti, così ansiosi di concludere l’affare, cadono in truffe su siti già segnalati da moltissimi altri utenti. È importante inoltre non fidarsi di eventuali recensioni positive presenti sul sito stesso (non ci vuole niente a crearne di false).

Consiglio n° 2: Controllate l’età del sito

Spesso i siti truffa nascono e muoiono nel giro di pochi mesi. È pertanto possibile basarsi sull’età per decidere se può valere la pena fidarsi oppure no. Esistono vari sistemi più o meno complicati per risalire alla data di nascita di un sito, ma quello senza dubbio migliore è quello di utilizzare la Wayback Machine, un archivio digitale del web che salva negli anni tutti i siti internet che riesce a trovare, consentendo poi all’utente, fornito il nome di dominio di una pagina (es. amazon.it), di vedere i vari backup salvati della stessa.

eBay.com visto sulla WayBack Machine

eBay visto sulla WayBack Machine

Utilizzando la Wayback Machine potrete quindi analizzare se il sito di eCommerce trovato è piuttosto recente (e quindi una probabile truffa), o se è abbastanza longevo (almeno 1 o 2 anni di attività) e quindi probabilmente sicuro.
È importante controllare, oltre all’età, l’evoluzione nel tempo del sito, poichè questo potrebbe essere nato per scopi leciti e poi essere stato venduto a qualche malintenzionato. Pertanto potrebbe essere necessario non solo affidarsi al calendario dei backup, ma anche consultare gli stessi per vedere se il sito solo negli ultimi tempi è diventato un eCommerce (e quindi, come prima, potrebbe essere una truffa).

Trust SealsConsiglio n° 3: Occhio ai “Trust seal” del sito.

Un “Trust Seal” è un marchio che garantisce l’affidabilità di un sito in materia di sicurezza informatica e/o gestione dei dati sensibili dei clienti. Per poter mostrare un Trust seal, un sito Internet deve passare specifici controlli effettuati da alcune organizzazioni, quali Norton, Symantec o Comodo, che ne garantiscono quindi la serietà.
Perciò, se un sito esibisce un Trust Seal, potete stare più tranquilli, a patto però di verificare che, cliccando sullo stesso, si venga reindirizzati ad una pagina internet del gestore del Trust seal dove saranno elencate le credenziali del sito di partenza.

Consiglio n° 4: Utilizzare Norton Safe Web

Norton Safe Web è un servizio sviluppato dalla Symantec che aiuta ad identificare siti poco sicuri utilizzando le recensioni degli utenti e un sistema di scan automatico delle pagine.

Per utilizzare questo servizio è sufficiente visitare il sito safeweb.norton.com ed inserire, nella barra di ricerca, l’URL del sito che ci interessa analizzare. A questo punto ci verrà restituita una pagina di cui ci interesserà in particolare il punteggio dato da Norton, che può essere uno di quelli a destra.
In generale potremo fidarci solo di siti Internet valutati con un “OK”. In caso di responso incognito è sempre meglio non fidarsi, poichè, se il sito non è ancora stato analizzato, potrebbe voler dire che è piuttosto recente (e quindi, probabilmente una truffa)

Consiglio n° 5: Paypal ti salva la vita

Se un sito Internet accetta pagamenti con Paypal, potete stare più tranquilli poichè, se anche l’offerta si dovesse rivelare una truffa, è possibile aprire una contestazione (entro 180 giorni dal pagamento) e, nel caso in cui il venditore non risponda, convertirla in un reclamo (entro 20 giorni). In tal modo, al termine delle verifiche, ci verranno restituiti i soldi ed il sito verrà automaticamente segnalato.

Per eventuali domande o correzioni, non esitate a scriverci nei commenti 😉

 

Post correlati

jimbo