0

Opera 40, un ottimo browser ricco di funzionalità

Ecco alcune interessanti funzionalità che distinguono Opera dai concorrenti

I browser più utilizzati in ambito desktop si sa quali sono: Google Chrome in primis, Mozilla Firefox, Safari in ambito Mac e Internet Explorer ed Edge in ambiente Windows. Ma esiste anche qualche altro software per la navigazione degno di nota, come per esempio Vivaldi, che abbiamo già analizzato, ed Opera.

Opera, giunto al momento della scrittura dell’articolo alla release 41, è un browser dalle vecchie origini. Nato nel lontano 1994, tale software presenta oggi alcune caratteristiche peculiari, che fanno sì che esso possa diventare il nostro browser predefinito o magari un secondo browser utile in alcune situazioni particolari.

Non vogliamo ora fare una recensione di questo software, dato che le funzioni principali sono le medesime degli altri browser, bensì osservare cosa lo rende in parte diverso dai concorrenti.

Risparmio energetico

schermata-del-2016-10-27-14-45-58

Opera implementa una feature chiamata “Risparmio energetico“, che con tanta fantasia fa proprio ciò che dice: aiuta il nostro portatile a consumare meno corrente ed a risparmiare dunque batteria. A grandi linee tale metodo, a detta degli sviluppatori, funziona così:

“Come funziona il risparmio energetico? Il segreto sta nell’evitare il non necessario, riducendo le attività delle schede in secondo piano, mettendo in pausa i plug-in e le animazioni, modificando i timer di Javascript e variando i parametri dei video in riproduzione. Se sei interessato ai video giochi online è preferibile disattivare il risparmio.”

Gli effetti concreti non saranno stratosferici, ma probabilmente utilizzando Opera al posto di altri browser e se la navigazione web costituisce la maggiore attività da voi svolta, potrete notare dei miglioramenti nell’autonomia del vostro laptop.

Opera Turbo

schermata-del-2016-10-27-14-45-46

Opera Turbo è una semplice modalità del browser, attivabile dal menu principale, che consente di ridurre il consumo di dati della propria connessione. In particolar modo, Opera Turbo fa effettuare le richieste di pagine web a server di Opera, che comprimono per quanto possibile il contenuto e lo trasmettono poi al proprio dispositivo, al fine di ridurre la quantità di dati scambiati. Ecco cosa è scritto a proposito sul sito di Opera:

“Le pagine web passano attraverso uno dei nostri server. Il server identifica gli elementi che possono essere compressi, elimina i pixel superflui e corregge il buffering dei video. Al tuo dispositivo arrivano perciò elementi più leggeri e maneggevoli.”

Tutto ciò non avviene ovviamente per quanto riguarda le connessioni HTTPS, cioè crittografate, ma la connessione in questo caso avviene direttamente tra noi e il server del sito richiesto.

Appare chiaro come questa feature possa essere utile nel caso si utilizzino connessioni con pagamento a consumo, come per esempio chiavette 3G/4G oppure l’hotspot effettuato con il proprio smartphone.

Ad blocker

schermata-del-2016-10-27-14-46-31

Da tempo gli annunci pubblicitari di alcuni siti web sono divenuti veramente invasivi, cosicché sono nate alcune estensioni per browser, la più famosa delle quali è AdBlock Plus, che modificano le pagine web visualizzate al fine di eliminare totalmente le pubblicità in esse presenti.

Questa utilissima funzionalità è presente in maniera nativa in Opera, e quindi sin dall’installazione si otterranno siti web privi di contenuti pubblicitari. E’ possibile con facilità disattivare tale funzione per il sito che si sta visitando dall’icona a fianco della barra degli indirizzi oppure creare una vera e propria white list dalle impostazioni.schermata-del-2016-10-27-14-47-19

Opera crea anche delle statistiche relative al numero di annunci bloccati e offre anche uno strumento per rilevare la differenza nella velocità di caricamento di una data pagina web con adblocker attivato oppure disattivato.

 

VPN

schermata-del-2016-10-28-12-40-07

VPN (Virtual Private Network) è in teoria un metodo che consente di creare una rete virtuale sicura all’interno di una rete pubblica non sicura come Internet.

Questo protocollo può tuttavia essere utilizzato anche per rendere in qualche modo anonima la propria connessione. Infatti, se si instaura una connessione sicura VPN con un server che poi effettua le richieste di pagine web, i server destinatari delle richieste non vengono a conoscere l’originale mittente. In tal modo non “ci si mostra” ad Internet, a patto che ci si fidi dei server VPN ai quali ci si appoggia. I server utilizzati da Opera sono gestiti da uno società canadese, SurfEasy, azienda dipendente da Opera Software.

Per navigare in maggiore anonimato si consigliano strumenti quali Tor, ma questo metodo fornito “out of the box” da Opera può comunque risultare comodo.

 

Dopo avere visto alcuni utili strumenti offerti da Opera browser, non esitate a commentare per domande o correzioni in merito!

Link: www.opera.com

admin